Puntata 17 – Megàle

Area51 ha “scovato” gli autori della miglior colonna sonora possibile per rendere l’idea del mood un Aprile agrodolce come questo! I protagonisti di questa diciassettesima puntata sono infatti un progetto formato da due polistrumentisti nel quale poesia e scrittura prendono forme diverse tra cantautorato, tappeti sonori, parole sparse e richiami a mondi ancestrali, il tutto attraverso una fresca e interessante proposta musicale di stampo elettroacustico. Loro sono i Megàle!

Si tratta del nome d’arte della cantante sassofonista Stefania Megale (Voce, Sassofono, Synth, Elettronica, Loop), enfant prodige musicale (si potrebbe dire) come conseguenza all’urgenza di dover dare voce ai suoi testi ed alle sue poesie (nel 2017 è tra i segnalati al Premio di poesia Renato Giorgi), per l’occasione ben supportata inoltre dalle composizioni dell’eclettico Francesco Paolino (Chitarra, Pedal Bass, Loop) e dall’utilizzo di altri strumenti quali clarinetto, sega musicale ed altri aggeggi elettronici ed analogici, musicisti ed elementi dunque in grado di mettere in risalto tutta la sua capacità evocativa.

In attesa di essere presto raccolti in un primo album che uscirà per conto di SRI Productions, i brani di Megàle sembrano funzionare e centrare il bersaglio ugualmente ascoltati così singolarmente: a guidare le danze la voce espressiva e suadente di Stefania la quale sa badare alla sostanza senza eccessivi e vorticosi virtuosismi, donando così spessore ai contenuti testuali in proprio possesso. I paesaggi sonori senza tempo evocati dalla loro musica sono invece affidati ai fraseggi chitarristici di Francesco, dotato di una invidiabile capacità compositiva e di una vasta gamma di registri e colori da cui attingere per tratteggiarli al meglio.
Nonostante qualche riferimento (più nelle linee vocali che altro) a Cristina Donà e qualche rimando sicuramente inconsapevole ad una band degli anni 90 che di sicuro non ricorderà neanche essa stessa di aver dato alle stampe un album per conto dei Dischi Del Mulo, ossia gli Estasia, il duo espone un proprio ricco bagaglio culturale di ascolti che permette loro di essere difficilmente accostabili a veri e propri nomi di riferimento, proponendo di fatto un qualcosa di originale e credibile che siamo sicuri andrà incontro ad una naturale ulteriore evoluzione.

Questo il Videoclip di “Lussuoso Benessere” il quale è stato girato all’interno di una fabbrica dismessa alle porte di Bologna, il Museo per Piccioni: un brano di sapore, inequivocabile apripista ricco di umori di quello che ci aspetterà nell’attesissimo loro primo lavoro:

Pagina Facebookhttps://www.facebook.com/megaleofficial/
Pagina Instagramhttps://www.instagram.com/megaleofficial/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...