Puntata 13 – Serpe in Seno

Continua qui ad Area51 l’allettante gioco dell’alternanza tra puntate speciali dedicate ad artisti ormai affermati nell’ambito underground a fare da “guida” e puntate alla ricerca di nuove realtà musicali più “sommerse” ma che qualitativamente hanno tuttavia moltissimo da dire e non temerebbero confronti con colleghi più blasonati qualora fossero messi nella loro stessa condizione di visibilità (Del resto altrimenti la nostra trasmissione cosa esisterebbe a fare? Eheh!).
In questo caso si tratta di una band a dir poco massiccia proveniente da Treviso, una di quelle che sta alla parola Caos come Enrico Mentana alle “Maratone Elettorali” in Tv (sic!): i Serpe in Seno!

Il progetto muove i suoi primi passi nel 2008 come duo strumentale composto da OLIVOTTO ROBERTO (BATTERIA) e SIMON TESTAMATTA (BASSO); successivamente si aggiunge anche GIOVANNI BATTISTA GUERRA (VOCE, MOOG, KAOS PAD, dagli Elettrofandango) e sotto l’attenta guida e direzione di Giulio Ragno Favero (Teatro degli Orrori, One Dimensional Man e Zu) la band cambia pelle e dopo aver calibrato il tiro con una serie di demo inizia la sua attività livea partire dal 2015, fino a giungere ad un livello tale da permettere loro di pubblicare agli inizi del 2018 l’omonimo primo LP autoprodotto. Si tratta di un vinile di 10 tracce mixate e registrate dallo stesso Favero. La band annovera nel suo curriculum condivisioni eccellenti di palchi con gente come ZU, Il Teatro degli Orrori, Zeus, Karma to Burn, Linea77, Mistonocivo e molti altri progetti granitici come questi.

Le premesse non vengono disattese: la band infatti sfodera un suono velenoso e distorto col basso a farla da padrone e da collante, potentissimo ed a tratti micidiale; il resto degli strumenti tuttavia non è da meno e tutto risulta ben saldato, con il sintetizzatore a dare l’effetto di straniamento e ad elicitare inquietudine. Trame musicali tra lo stoner, il doom, l’hardcore e lo sludge con ovviamente il metal come substrato concettuale e sonoro, brani che viaggiano tra la follia dei Melvins e il “wall of sound” degli Swans. Piccolo dettaglio non trascurabile, i testi sono assolutamente in italiano e contribuiscono a dare l’idea di nichilismo, disagio e rassegnazione, in sostanza a rendere ancora più nera di quanto già non sembri di suo la produzione musicale dei Serpe in Seno.

Una band tutta da scoprire soprattutto in fase live, l’ideale per sfogare tutti i piccoli e grandi problemi della propria vita con una botta di energia: di seguito un promo contenente un assaggio dei brani del loro primo omononimo Lp:

SITO WEB: WWW.SERPEINSENO.COM
FB: https://www.facebook.com/serpeinseno/
Bandcamp: https://serpeinseno.bandcamp.com/album/serpe-in-seno-s-t
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCGy_qfnLsFqZq5c87O2wrwQ

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...