Puntata 18 – R-11

Quasi involontariamente, a distanza di una sola settimana dalla precedente, anche in questa puntata Area51 dedica la sua attenzione ad una realtà musicale strumentale di stampo jazz, l’ennesimo ottimo progetto che fiero del suo cipiglio e della sua bravura tecnica ha tutte le carte in regola per essere annoverato tra le compagini più intriganti della stagione. Loro vengono da Parma, se ne infischiano delle luci della ribalta e pensano essenzialmente a suonare (e come suonano!) dell’ottima musica: gli R-11!

Il monicker R-11 è la contrazione di “’Round Eleven” (in riferimento all’orario solito delle prove della band ma anche un rimando a Round Midnight, noto standard jazz di Thelonius Monk): si tratta dunque di un trio di impronta jazz nato originariamente nel 2000 ma composto attualmente (dopo una serie di avvicendamenti tra cui l’esclusione dello strumento sax in favore della sempre apprezzata e mai banale chitarra) da Michele della Malva (basso), Roberto Reggiani (batteria) ed Andrea Silvestri (chitarre), formazione con la quale nel 2012 debutta con un lavoro di 7 brani strumentali dal titolo “Lupusin Trio” (Lizard Records) dove il jazz-rock anni 70 si mescola con inserti di jazz classico e qualche spruzzata di ritmica metal; il secondo lavoro “WASCHMASCHINE” (Lizard Records/HysM? Records) è invece datato 2014 e vede la partecipazione di Fabio Magistrali alle riprese e mixing.

Definire la loro musica Jazz è semplicemente riduttivo: tuttavia, senza perdersi troppo in nomenclature di genere (poiché si potrebbero allegramente citare math rock, prog, psichedelia, funk e chi più ne ha più ne metta…) diciamo che si tratta di composizioni molto libere che nonostante poliritmie, repentini cambi di umore, sperimentazioni e dissonanze risultano comunque asciutte e ben connotabili, poiché basate sulla giustapposizione melodico/armonico e quindi senza che l’una predomini mai sull’altra.

Incredibile come all’ascolto di ogni brano vengano chiaramente fuori le peculiarità di ogni singolo musicista. Innanzitutto il basso, elemento portante del trio che viene utilizzato in tutti i registri possibili ed immaginabili scandendo ritmica, tonalità ed armonia con disinvoltura, merito anche di mezzi tecnici di prim’ordine a disposizione del buon Michele, abile a cogliere al meglio nel suo stile l’insegnamento di numi tutelari quali Jaco Pastorius e Les Claypool; poi la chitarra di Andrea, abile a tessere trame intriganti dal sapore alquanto “Frippiano” in grado di inserirsi in maniera multiforme e cangiante tra batteria e basso; e poi, last but not least, il drumming di Roberto, quasi in punta di piedi, mai invasivo eppure ben presente, secco, denso, disciplinato nel fare sempre la cosa giusta, in una parola preciso!

Questo il video di “Boaga”, brano contenuto su “Waschmaschine” dalle tinte caraibiche dall’incedere alquanto ipnotico, scandito da armonici che lo rendono in qualche modo persino ancestrale:

SITO WEB: https://r-11.bandcamp.com/
FB: https://www.facebook.com/Round11/
TW: https://twitter.com/r11trio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...