Puntata 15 – Istvan

Istvan 612x442

Protagonisti di questa quindicesima puntata di Area51 sono tre giovani ragazzi provenienti da Forlì i quali benché si trovino al loro esordio discografico sembrano avere già le idee molto chiare sulla direzione musicale da perseguire da qui al futuro, grazie ad una innata immediatezza sonora con la quale riescono ad esaltare in tutte le sfaccettature possibili il proprio mood chiaroscurale, vero punto di forza e fulcro di tutte le loro composizioni. Nuova realtà musicale in tutto e per tutto, loro sono gli Istvan

Istvan @Area51 Con questo nome proprio di persona di origine ungherese Carlo Teo Pedretti (chitarra/voce), Giacomo Russo (basso/voce) e Marco Sabbatani (batteria/glockenspiel/voce) raffigurano un immaginario musicale che trae ispirazione dal “Pellegrino Cherubico” del mistico tedesco del Seicento Johannes Scheffler (noto in Italia come Silesio), una raccolta di aforismi sull’ascesa dell’uomo in uno stato di abbandono e vicinanza alla sfera divina. Il loro album d’esordio Istvan di recente pubblicazione è una produzione dell’etichetta Bronson Recording (neolabel che fa capo appunto al Bronson di Ravenna, uno dei più importanti club d’Italia a livello di (Indie) Rock nazionale ed internazionale e nostri consolidati media partner).

I richiami al concept sopracitato vengono rielaborati in musica attraverso brani che tra Doom, Stoner, Metal, Post Rock rendono omaggio non troppo velatamente ma comunque con una certa verve e senza cadere mai nella trappola del citazionismo fine a se stesso, alla lezione impartita dai loro padri spirituali Black Sabbath, miscelando con gusto tutti i vizi e le virtù di una delle band più influenti della storia del Rock più cupo e granitico: mantra sonori, paesaggi desertici, riff monolitici e dilatazioni blues. Ascoltare la loro musica è come sentire il terreno bruciare sotto ai propri piedi, tanto è il calore sprigionato dalle corde, dalle pulsazioni e dalle percussioni, con tanto di “cantilena” vocale che indirizza inesorabilmente verso un unica direzione: gli Inferi.

Questo il video di “Stonemill”, un breve break arpeggiato di rara intensità, con retrogusto nostalgico e ancestrale:

Gli Istvan, ossia come la Romagna si possa trasformare nel deserto americano e nelle foreste dell’Europa centro-orientale:

Facebook: Istvan

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...