Puntata 1 – Ronin

Locandina-decennale-web

“È uscito il 4 Dicembre “Area51/Split_Ep#1“, la prima release ufficiale targata Area51 Records: protagonisti Ronin & Uyuni.
Potete trovarlo sul nostro nuovo sito www.area51records.it!”

All’indomani delle celebrazioni del decennale del nostro programma radiofonico, con la conseguente nascita della nostra etichetta Area51 Records, con quest’ultima grandissima notizia il quadro può definirsi completo e pertanto possiamo finalmente ufficializzare la nuova stagione di Area51.

Quella con cui partiamo è una puntata doppiamente speciale poiché i nostri primi ospiti sono i ravennati Ronin i quali, oltre a trattarsi di un gruppo ormai da anni ben consolidato all’interno del panorama musicale nostrano, sono praticamente i pionieri (insieme ai riminesi Uyuni, ospiti nell’edizione 2012 del programma) di questa iniziativa senza precedenti: ricordiamo brevemente infatti che Area51 Records è la prima etichetta discografica indipendente nata da una trasmissione radiofonica, che la sua attenzione è quindi rivolta esclusivamente agli artisti che sono stati o che saranno ospitati dal programma stesso e che la sua prima uscita consiste in questo Area51/Split_Ep#1, una produzione in edizione limitata da collezione in cui le due band presentano oltre ai loro rispettivi brani anche una traccia condivisa rinominata Shared_Track#1 scritta, suonata ed arrangiata insieme.

I Ronin durante le registrazioni dei brani di Area51/Split_Ep#1 presso il Loto Studio di Gianluca Lo Presti
I Ronin durante le registrazioni dei brani di Area51/Split_Ep#1 presso il Loto Studio di Gianluca Lo Presti di Filetto (Ravenna).

Segue una piccola ma doverosa bio dei nostri ospiti. Prendendo spunto dalle suggestioni tipiche dei western morriconiani, nel 1999 l’allora batterista dei Wolfango (e in seguito anche elemento portante di OvO e Bachi Da Pietra, qui ospiti durante la scorsa stagione) Bruno Dorella da vita a questo progetto che tuttavia andrà incontro ad una lunga serie di cambi di line-up prima di riuscire a pubblicare i suoi primi due lavori, l’omonimo Ep (2003, La Muerte Records) e l’omonimo primo album (2004, Ghost Records) i quali contengono al loro interno diversi brani che verranno utilizati in altrettante colonne sonore, così come accade anche per il successivo “Lemming” (2007, Ghost Records). Seguono “L’Ultimo Re” (2009, Ghost Records) e “Fenice” (2012, Santeria/Tannen Records, con una nuova formazione) ed una serie di colonne sonore commissionate per diversi film nonché il 7″ “Twin Peaks” (2013, Bronson Produzioni) dove vengono reinterpretati due temi dell’omonimo telefilm. Con la nuova e tuttora attuale line-up formata (in aggiunta al già citato Bruno alla chitarra) da Cristian Naldi (chitarra), Diego Pasini (basso) e Matteo Sideri (batteria), la band da alle stampe “Adagio Furioso” (2014, Santeria/Tannen Records) e l’Ep “Stalingrad” (2015, Tannen Records) e appunto realizza insieme agli Uyuni lo split ep dal titolo “Area51/Split_Ep#1″ (2015, Area51 Records), uscito il 4 Dicembre.

Durante la puntata viene dunque proposto in anteprima radiofonica l’ascolto dei brani dell’ep suonati dai Ronin.

Ovviamente non poteva mancare il brano condiviso, SHARED_TRACK#1, un autentico capolavoro composto, suonato ed arrangiato insieme da Ronin ed Uyuni in cui il gusto per la colonna sonora e le ruvidezze metalliche dei primi funge da complemento alle atmosfere rarefatte e vagamente folk dei secondi. Un brano epico, narrativo e pragmatico!

Ne potete gustare un suggestivo assaggio qui nel seguente video teaser, realizzato in maniera a dir poco eccellente del bravissimo Federico Baciocchi:

 

Per seguire le gesta dei Ronin:

Sito Web: www.ronintheband.com/
Facebook: Ronin

Last but not least, come anticipato prima è ufficialmente attivo anche il nuovo sito www.are51records.it, a cura di Angelantonio Pariano di Artedopera (nostri storici e fedeli partner) dove potrete seguire tutte le novità legate alla nostra etichetta e, soprattutto, potrete acquistare la vostra copia di “Area51/Split_Ep#1” (disponibile anche su iTunes, Deezer, Amazon, Spotify e i principali store digitali, nonché ovviamente durante i live delle due band).

Adesso, prendendo in prestito la voce e l’enfasi dell’unico ed imitabile telecronista sportivo italiano, possiamo finalmente dirlo ufficialmente anche noi:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...