Puntata 15 – Vanity

Vanity

Dopo una pausa forzata dovuta al maltempo (che a quanto pare nel nostro Bel Paese rappresenta un ostacolo in grado di pregiudicare ogni azione) Area51 torna prepotentemente in pista e sfruttando il mood chiaroscurale e il cielo plumbeo tipico di questi ultimi scampoli di Inverno vi propone un progetto musicale decisamente in tema: i protagonisti di questa puntata numero 15 sono infatti una band “multietnica”, dal respiro internazionale e dall’aplomb a dir poco suggestivo, i Vanity!

Vanity

La loro base operativa si trova in Toscana ma come accennato in precedenza la band è composta da musicisti di varie nazionalità: N (voce) è di origine palestinese, F (basso) svizzero mentre P (chitarra) e T (batteria) sono invece italiani. Nel più completo isolamento a cavallo tra il Dicembre del 2011 ed il Febbraio del 2012 hanno registrato il loro primo disco “Occult You” (2012, Church Indipendent) distribuito in Italia da Audioglobe ed in Europa dalla Roughtrade e prodotto da Lorenzo Montanà (Tying Tiffany, Simona Gretchen): sia il disco che i testi nascono da un romanzo mai pubblicato del loro cantante N dal medesimo titolo “Occult You”.

Nella proposta musicale dei Vanity confluiscono in maniera equilibrata e al contempo poliedrica sonorità tipicamente Dark/Wave ,Gothic/Doom e Post Punk che fungono da cornice ideale ad uno scenario oscuro, sepolcrale: i brani infatti sono densi di atmosfere malinconiche e claustrofobiche, funzionali alla perfetta descrizione in musica di un immaginario infarcito di romanticismo e decadentismo.
Nella forma e nella sostanza la band presenta dunque una chiara impronta Metal: uno dei loro punti di forza è tuttavia il riuscire a rimodellarla con personalità in ogni loro brano ricorrendo a diversi “elementi” musicali, dall’elettronica allo Shoegaze. Il risultato sonoro potrebbe essere idealizzato più o meno così: immaginate membri di Paradise Lost, Depeche Mode ed Interpol che si divertono a fare una jam session insieme. Da segnalare inoltre l’interpretazione vocale di N, calda e graffiante allo stesso tempo ed in grado di amalgamare insieme l’intero tessuto sonoro di ogni singolo brano.

La canzone seguente che vi proponiamo, “Under Black Eyes”, corrisponde al primo video estratto dall’album “Occult You”: si tratta di una riscrittura gotica del mito di Narciso, dall’incedere decadente ed oscuro, quasi glaciale.

“Vai cercando qua, vai cercando là, ma quando la morte ti coglierà cosa resterà delle tue voglie? Vanità di Vanità.” Una citazione dovuta (si spera ne abbiate riconosciuto l’autore, si tratta di uno dei più grandi cantautori italiani di sempre) e di sicuro anche pertinente all’immaginario evocato dai nostri Vanity

Facebook: https://www.facebook.com/VanityDoom

Reverbnation: http://www.reverbnation.com/VanityDoom

Twitter: https://twitter.com/vanitydoom

Paradossalmente si comincia ad entrare davvero nel caldo della stagione di Area51 e non certo per una mera questione metereologica: continuate a seguirci ogni Venerdì sul nostro Blog e durante la programmazione settimanale sul circuito Popolare Network, ne scoprirete e sentirete davvero delle belle!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...