Puntata 25 – Wolther Goes Stranger

Ed eccoci qui con tanto di lacrimuccia a presentarvi l’ultima puntata ufficiale di questa edizione di Area51, lo spazio live dedicato alle nuove realtà musicali del panorama indipendente italiano, in onda ogni settimana sulle principali emittenti radio del circuito Popolare Network.
Un’edizione per certi versi turbolenta (una cospicua serie di pause forzate dettate soprattutto dalla natura) ma al contempo memorabile poiché caratterizzata da importantissime novità strutturali che hanno portato il programma ad estendere il proprio bacino d’utenza “via etere” in altri ambiti territoriali nazionali, arricchirsi di nuove collaborazioni e soprattutto di beneficiare della presenza di ospiti musicali di prim’ordine, potendosi inoltre concedere il lusso di proporre persino più di una “puntata speciale”.

Una stagione del genere non poteva non concludersi col botto e pertanto gli ospiti di questa venticinquesima ed ultima puntata rispecchiano in pieno, tra le altre cose, la Mission della trasmissione, configurandosi come una vera e propria “nuova realtà musicale”: ecco a voi i Wolther Goes Stranger

Trattasi del progetto solista di Luca Mazzieri, chitarrista degli A Classic Education e qui alle prese anche con voce ed “altro”, supportato da Massimo “Colla” Colucci (trapano, latta e rullo) e Linda Brusiani (voce femminile) e con la partecipazione esterna di Davide ”Dave Bombanella” Cristiani (casa e registrazioni). L’Ep “Lovely Boy” è uscito ad Aprile 2012 (persino in tiratura limitata di 100 copie in musicassetta) per La Barberia, non solo una label ma anche una bottega in cui vengono affilati rasoi e si organizzano piccoli dei concerti.

Dicevamo prima che si tratta dell’ultima puntata della trasmissione. Immaginiamo in questo senso di trovarci ora all’interno di un programma audiovisivo giunto alla sua conclusione nel momento in cui la regia manda i titoli di coda e tutti si alzano in piedi per salutarsi, tra tailleur, Tacchi “12”, Frac da pinguino e vestiti firmati: nel frattempo parte la sigla finale a forte impatto “danzereccio”, con sopra un cantato suadente. Con buona approssimazione potremmo dunque descrivere la loro musica come quadretto ideale per questo tipo di situazione, almeno dal punto di vista della fruibilità: questa in sostanza è musica da sottofondo, da aperitivo se non proprio da dancefloor.
Ma attenzione: si tratta innanzitutto di musica di pregevole fattura e i suoi marchi di eccellenza stanno soprattutto nella composizione (elettronica di stampo anni 80 ma senza il solito e ostinato utilizzo di Computer a tutti i costi e con bei rimandi ad ambientazioni tipiche del Lounge), negli ottimi arrangiamenti (assoli di trapano a fare spesso da chitarra distorta e rullanti di latta che richiamano in qualche modo alla mente i mitici Einsturzende Neubauten) e nell’approccio quasi cantautoriale delle liriche, nelle quali voce maschile e femminile e il mistilinguismo anglo-italiano (il tutto strutturato in un modo che con molto piacere a colui che scrive ricorda i grandissimi Scisma ) si intrecciano ed impastano dando vita ad isotopie a dir poco “osè”!

Sorpresi di sentir parlare di un progetto che sembra uscire fuori dal seminato per quel che riguarda i canoni della nostra tradizionale ed amata musica Rock? In realtà basterebbe soltanto ascoltare il brano qui proposto, “SOMEtimes” per rendersi conto che qui c’è del tiro, della classe, della qualità, dello stile: a meno che il discorso non venga ridotto a semplici coordinate di genere, allora da un punto di vista concettuale stiamo sempre e comunque parlando di Rock!

Wolther Goes Stranger – SOMEtimes from wolther! on Vimeo.

Per saperne di più sulla band vi invitiamo a scovare l’intruso tra questa serie di celebri brani: No Stranger to Love, Strangers in the Night, Stranger in a Strange Land, Wolther Goes Stranger, Beautiful Stranger, Perfect Strangers, Goodbye Stranger, The Stranger Song.

Blog: http://wolthergoesstranger.blogspot.it/

Facebook: Wolther Goes Stranger

(Come potete notare “Stranger” è una parola che suona davvero molto bene ma il giochino non finisce qui: a chi appartiene ciascuno di questi brani? Siamo sicuri che i nostri ascoltatori non avranno bisogno di andare a scomodare Google per rispondere. E per quel che riguarda invece il nostro Wolther, lui già si trova idealmente qui dentro da tempo immemore!)

That’s all, Folks! Ufficialmente ringraziamo di nuovo tutti gli ospiti, musicali e non, che sono intervenuti in studio fisicamente e telefonicamente durante le puntate. Un grazie particolare va a tutti i nostri ascoltatori e ovviamente a tutti coloro che seguono il nostro Blog: cogliamo dunque l’occasione per comunicarvi che, come da migliore tradizione, anche per la nostra trasmissione sono previste alcune puntate riassuntive nelle quali sarà contenuta una retrospettiva sui protagonisti dell’intera edizione appena conclusa.
Si tratta di una panoramica d’insieme ridistribuita in 3 parti di cui la prima andrà in onda a partire da Sabato 9 Giugno su Città del Capo – Radio Metropolitana per poi proseguire durante l’arco della settimana anche sulle altre emittenti del circuito Popolare Network (seguite tutta la programmazione QUI). Per chiunque volesse farsi un bel ripassino appuntamento allora qui sul Blog a partire da Venerdì prossimo.

P.S – Sinceri e doverosi ringraziamenti vanno senz’altro fatti a coloro che hanno collaborato all’interno di Area51 per buona parte di questa edizione dando un valido apporto alla sua crescita e in sostanza alla sua buona riuscita, nelle persone di Mariagrazia Cavallo, Marianna Notarangelo e di Maria Elena Di Vincenzo. In Rock We Trust!

Un pensiero riguardo “Puntata 25 – Wolther Goes Stranger”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...